Veröffentlicht: 17.03.2018

Komodo Coin

Komodo Coin: una promettente combinazione tra Bitcoin e Zcash

Komodo Coin è una criptovaluta che unisce le migliori caratteristiche di Zcash e Bitcoin. La sua struttura si basa su un algoritmo completamente nuovo, creato dal team che ha dato origine al progetto.

Il meccanismo di approvazione si è visto assegnare il nome di delayed proof-of-work (dPoW). Permette di certificare i blocchi di transazione con la blockchain di Bitcoin.

Le fondamenta di Komodo Coin possono fare affidamento sul protocollo Equihash.

La piattaforma ha modo di utilizzare la prova zero-knowledge (ZK); di conseguenza, la moneta può garantire un livello di anonimato insolitamente elevato.

Komodo Coin rappresenta la prima criptovaluta al mondo a impiegare il protocollo di delayed proof-of-work. Tale meccanismo si basa sul cosiddetto notarized node, selezionato attraverso un voto.

Porta le informazioni dalla blockchain di dPoW alla catena di Bitcoin, aumentando la resilienza del servizio nei confronti degli attacchi degli hacker, di qualunque tipo.

Il livello di sicurezza di Komodo Coin

Si noti come le commissioni, i fondi ricevuti dai blocchi e le transazioni siano destinati a supportare la tecnologia notarized node.

Un sistema di sicurezza così affidabile consente di eseguire trasferimenti di denaro completamente anonimi e protetti dal protocollo Zcash.

Allo stesso tempo sono a prova di zero-knowledge; godono inoltre della convalida della blockchain di Bitcoin. Un crash del sistema è possibile solo nel caso in cui entrambe le piattaforme sopra citate risultino compromesse.

Un’altra caratteristica interessante è la possibilità di scambiare i token in cambio di monete appartenenti a un altro progetto del team di Komodo.

Il progetto in questione è la criptovaluta di BitcoinDark. Per semplificare tale processo, è stata impostata una velocità fissa del BTCD pari 0,00532074 Bitcoin.

I punti di forza di Komodo Coin

I vantaggi di questa valuta digitale sono:

  • Sicurezza: il migliorato codice Zcash, abbinato al rivoluzionario protocollo di dPoW, rende questa moneta quasi invulnerabile agli attacchi degli hacker.
  • Stabilità: questa criptovaluta non gode ancora della medesima popolarità di Bitcoin. Tuttavia è già riuscita ad attirare un numero significativo di fedeli seguaci, disposti a sostenerla e a effettuare attività di mining.
  • Produttività: trattandosi di un progetto relativamente nuovo, tutte le transazioni vengono portate a termine in modo piuttosto veloce.
  • Versatilità: è possible lavorare con le valute sia da computer fissi che da diversi dispositivi mobili.
  • Indipendenza: mentre Bitcoin si distanzia dalle idee di decentralizzazione e mercato libero, Komodo ha scelto di rimanere fedele ai principi di autonomia.

Non a caso, le modifiche alla piattaforma possono essere apportate solo dopo aver ottenuto il consenso dell’intera comunità.

Futuro: Sebbene la moneta sia ancora relativamente giovane, sembra avere un buon potenziale per il futuro.

Se il team del progetto sarà in grado di scegliere il giusto sviluppo, Komodo Coin avrà tutte le carte in regola per puntare verso alte vette.

I punti deboli di Komodo Coin

Se i vantaggi riconosciuti a questa piattaforma non sono pochi, quest’ultima non è comunque esente da punti deboli.

Incertezza: a causa di alcune caratteristiche specifiche di Komodo Coin, il denaro crittografico finisce per basarsi sul nulla. Di conseguenza, risulta molto difficile prevedere le variazioni del tasso di cambio.

Il prezzo delle monete potrebbe aumentare leggermente o, al contrario, diminuire con grande rapidità.

Hacking: anche il sistema di sicurezza più affidabile non può garantire una protezione del 100%. Rimane sempre la possibilità di perdere i risparmi a causa di un attacco hacker mirato.

Costi elevati in ambito hardware: l’aumentare della complessità dell’attività di mining ha portato a una crescita del prezzo delle attrezzature necessarie.

Una piccola farm composta da più schede grafiche non ha più la capacità di assicurare un reddito tangibile. Addirittura, in molti casi non è nemmeno possibile recuperare il denaro investito.

Al di là degli aspetti negativi appena presi in considerazione, occorre indicare come gli stessi non rappresentino una peculiarità di Komodo Coin. Anzi, è la maggioranza delle criptovalute attualmente esistenti a esserne afflitta.

Il concetto alla base di Komodo

La piattaforma di Komodo è nata avendo ben chiari 3 punti chiave:

  • Un migliorato codice Zcash;
  • Un registro di sicurezza senza precedenti dotato di dPoW;
  • L’appoggio fornito dalla rete virtuale SuperNET.

Il progetto Komodo è una fork di Zcash e, di conseguenza, ne replica il livello di riservatezza.

La rete prevede due tipologie di pagamenti, completamente aperti o anonimi, la cui protezione è garantita dal protocollo a prova zero-knowledge. Inoltre, il concetto di Trusted Setup è stato introdotto proprio da Komodo Coin.

La valuta Zcash è stata ripetutamente criticata, in quanto risultava impossibile rimuovere parti delle chiavi personali. Tale problema è rilevante anche per Komodo, in quanto la piattaforma fa ricorso allo stesso codice.

Tuttavia, il team è stato in grado di ottenere un certo successo, correggendo alcune vulnerabilità del sistema.

A oggi, la rimozione di una chiave privata preclude la sua apparizione nel plain text. L’uso del codice Zcash ha influenzato anche l’attività di mining. L’algoritmo classico delle PoW è incluso nella rete.

Tra qualche tempo sarà possibile l’introduzione del protocollo dPoW creato dagli sviluppatori.

Le caratteristiche principali del meccanismo di dPoW

In base alle dichiarazioni rilasciate dagli sviluppatori della piattaforma, la scelta della dPoW è stata maturata per una serie di motivi:

  • Aumentare l’affidabilità e la sicurezza;
  • Dare possibilità alla rete di Komodo di essere utilizzata con altre criptovalute;
  • Integrare la tecnologia SuperNET.

La conferma delle operazioni nella blockchain viene effettuata attraverso 64 notarized node. Ognuno di essi è selezionato direttamente dal proprietario della moneta.

Hanno come oggetto la maggior parte delle operazioni di mining, portando la loro complessità a diminuire notevolmente.

La natura ciclica del mining esclude che tra gli utenti possa svilupparsi una concorrenza eccessiva. Da notare come le commissioni per le transazioni risultino essere, nel mondo delle criptovalute, tra le più basse.

Importante! Tutti i possessori di gettoni Komodo riceveranno il 5% annuo sui loro risparmi in Komodo Coin.

Pertanto, il consiglio è quello di provvedere, almeno una volta all’anno, a spostare i tuoi risparmi tra i vari portafogli. Non appena effettuata l’operazione, verranno accreditate le monete promesse.

Komodo Coin non è una fork inefficace di Zcash. Al contrario, si propone come una vera e propria svolta a livello di decentramento e privacy.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *