Veröffentlicht: 13.03.2018

I/O Coin

Introduzione alla I/O Coin

I/O Coin é una cryptomoneda. Sin dalla fondazione del network di Bitcoin, nel 2009, innumerevoli criptovalute hanno popolato questo nuovo mercato.

Joel Bosh ha fondato I/O Coin, simbolo del mercato azionario IOC, nel 2014, sviluppando una nuova criptomoneta pienamente operativa. Si ispirava al white paper scritto da Scott Nadal.

I/O Coin fornisce a imprese e organizzazioni una blockchain oper source per effettuare transazioni sorprendentemente veloci, con commissioni molto basse.

Le prime monete sono state usate con successo il 23 luglio 2014: potevano essere impiegate in scambi multipli.

I/O Coin in numeri (al 28 gennaio 2018)

Il capitale attuale di I/O Coin è di 67.784.371 $ e l’offerta in circolazione ammonta a 16.497.886 IOC.

Il volume giornaliero di scambio è pari a 226.786 $. I/O Coin occupa il 224° posto nella classifica delle monete estraibili di Coinmarketcap.com.

Cos’è I/O Coin?

I/O Coin (I/Oscript) è una moderna criptovaluta per tutte le transazioni. L’invio sicuro di messaggi criptati può essere effettuato attraverso il sistema di messaggistica accessibile tramite API.

Analogamente, questo sistema permette di inviare informazioni private in tutto il mondo.

L’opzione è particolarmente interessante per società che usano questo elemento per sviluppare altri sistemi di messaggistica, come WhatsApp o Twitter.

Secondo gli sviluppatori, una transazione avviene in 60 secondi ed è confermata dopo 30 secondi. La pietra miliare di questa valuta, così come di molte altre criptovalute, è la blockchain.

Questa funge da archivio generale di oggetti di valore chiave per lo sviluppatore. L’aritmetica di tale sistema sta per essere migliorata.

Di conseguenza, le funzioni della piattaforma I/O dovrebbero risultare maggiormente allineate con quelle di Ethereum.

La storia di I/ON Coin

Questa criptovaluta è stata avviata con trasparenza ed equamente distribuita. All’inizio, I/O Coin è stato lanciato via X11-PoW per passare, in 14 giorni, alla blockchain con PoS I/O.

Per assicurare i migliori risultati, sperimentazione e sviluppo del sistema hanno richiesto tre anni. La blockchain digitale fornisce un database DNS criptato.

Ricorrendo ad API di terze parti, i nomi vengono registrati come documenti di dominio. In questo sistema, è possibile assumere qualsiasi form e trasferirlo tra gli utenti.

Per esempio, i record DNS possono essere record A, CNAME o record MX.

Gli sviluppatori hanno voluto che non ci fosse un’unica blockchain, ma un framework Chameleon che interagisce con la blockchain stessa.

Questa dovrebbe facilitare il collegamento per le catene connesse e garantire funzioni avanzate per tutti.

Che utilizzo ha questo tipo di criptovaluta?

I/O Coin è progettato per gestire velocemente e in sicurezza le transazioni online. In questo modo, servizi o prodotti possono essere pagati in modo sicuro.

L’azienda garantisce un processo senza rischi per tutte le parti. Infatti, memorizza i dati di imprese e soggetti privati in un grande sistema con tutti gli indirizzi associati.

La piattaforma usa codici proprietari per fornire le informazioni personali degli utenti.

Errori e cybersquatting potrebbero causare problemi, ma l’azienda ha intenzione di coinvolgere una terza parte per prevenire tali malfunzionamenti.

Sono stati aggiunti codici come OP_REGISTER e OP_UPDATE per fornire ulteriore sicurezza alla piattaforma.

La registrazione su I/O comporta un certo numero di commissioni, ma l’utente sarà informato dall’inizio dei costi sostenuti sulla piattaforma.

Chi ha creato I/O Coin?

Joel Bosh ha fondato la compagnia proprietaria di I/O Coin nel luglio 2014. Sin dall’inizio, Bosh ha avuto piani precisi per l’evoluzione della moneta.

Pertanto, saranno sviluppati codici d’operazione addizionali (opcodes) come OP_EVAL e OP_LOAD. Questo permetterà agli sviluppatori di revisionare i termini e le condizioni delle commissioni di I/O Coin.

Con questo processo, dovrebbe poter essere calcolata l’esatta misura delle transazioni eseguite. L’obiettivo della società è portare la piattaforma di I/O allo stesso livello di Ethereum.

Questo necessita di un sistema di sicurezza che protegga il network da attacchi DOS o simili.

Il frame Chameleon è un elemento progettato per ridurre le catene laterali. Questo dovrebbe consentire 100.000 transazioni al secondo.

La registrazione dei dati sulla blockchain preserva la proprietà intellettuale dell’utente, la gestione dei diritti e i certificati di autenticità.

Un valore di hash, contenuto nella transazione I/O, può essere usato come PoE, proof-of-existence, per ogni file digitalizzato.

Conclusioni

I/O Coin rappresenta un’opportunità per inviare messaggi decentralizzati in totale sicurezza. Le numerose caratteristiche e i contratti intelligenti garantiscono condizioni favorevoli per gli utenti.

L’archiviazione dei dati sulla blockchain è decentralizzata e offre sicurezza e privacy a tutti i consumatori.

I/O impiega contratti intelligenti per fornire funzioni supplementari. Eseguita la connessione, le informazioni di rilievo vengono memorizzate nella blockchain e l’app fa il resto.

Con questa funzione, l’azienda rende la moneta mobile e accessibile a qualsiasi impresa.

Il prezzo di I/O Coin è rimasto stabile e costante dalla sua nascita nel 2014, fino al dicembre 2016. Nel febbraio 2017, I/O Coin ha subito una rapida espansione, dovuta principalmente all’incremento della mediatizzazione.

Da quel momento, il prezzo ha subito fluttuazioni, seppur mantenendo una costante tendenza ad aumentare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *