Veröffentlicht: 10.03.2018

ChainLink Coin

Perché è nata ChainLink Coin?

Il team di ChainLink Coin ritiene che il principale problema dei moderni contratti intelligenti sia l’inadeguata interazione con il mondo esterno. Credono che una rete sicura di oracoli possa risolvere questo problema, ed è per questo che è progettato il loro prodotto.

“La maggior parte degli accordi contrattuali tradizionali, digitalizzati e automatizzati, ora utilizzano dati esterni come prova di adempimento delle condizioni contrattuali; richiedono, inoltre, che i dati siano trasmessi a sistemi esterni. Quando i contratti intelligenti sostituiscono meccanismi contrattuali obsoleti, diventano versioni altamente affidabili di tali entrate e uscite.”

Che cosa sta facendo ChainLink?

In effetti, ChainLink vuole aumentare la praticità dei contratti intelligenti in determinati tipi di applicazione. Questo significa che i partecipanti al mercato saranno i fornitori e gli utenti di contratti intelligenti.

Si tratta di una nicchia piuttosto ristretta, ma questo non significa che non sarà possibile farlo. Nel mondo della tecnologia blockchain, tutti gli sviluppi sono altamente specializzati, ma il numero di modi per sfruttare queste tecnologie sta aumentando rapidamente, incluso il mercato che necessita di contratti intelligenti.

Gli ideatori di ChainLink Coin citano diversi tipi di contratti intelligenti su cui concentrano principalmente il proprio sviluppo: titoli, assicurazioni e finanza commerciale.

Lo stesso sistema ChainLink è costituito da due parti: un sistema blockchain e uno non blockchain. Queste due parti comunicheranno tra loro durante il processo di lavoro. Il sistema garantirà la correttezza delle informazioni fornite dagli oracoli e consentirà loro di lavorare in modo indipendente.

Un oracolo può essere, ad esempio, il New York Stock Exchange, che fornisce informazioni accurate sul commercio; un altro Visa, che gestisce e riferisce sul regolamento delle transazioni. ChainLink Coin intende combinare tutti questi oracoli in un unico sistema, in cui agiscono come compagni mentre si collegano a quel sistema.

Il token ChainLink

Per pagare servizi non aziendali, ChainLink creerà un token LINK. Per eseguire le funzioni della piattaforma è necessario un token, quindi la richiesta è direttamente correlata al numero di utenti.

La domanda effettiva sarà determinata solo dopo il lancio completo del sistema. Se un numero insufficiente di utenti si unisce al sistema, tale token non ha valore intrinseco, anche se ne ha uno speculativo.

In totale, saranno rilasciati 1.000.000.000 di token. Non ci sono ancora informazioni sulla distribuzione dei token, il che purtroppo non ci consente di analizzare questo importante aspetto.

Il team di ChainLink Coin

Il team di ChainLink Coin è composto essenzialmente da due persone: Sergei Nazarov e Steve Ellis. Possiamo presumere che assumano lavoratori nel processo di sviluppo del prodotto, ma il loro approccio è, in ogni caso, discutibile. Ellis ha lavorato per Pivotal Labs.

La qualifica di Nazarov è il suo lungo lavoro nelle criptovalute. Non proprio male, ma niente di eccezionale. Come molti hanno già detto, il successo del progetto dipende interamente dalla domanda del suo token.

In effetti, i contratti intelligenti esistenti non hanno sufficiente flessibilità e ChainLink Coin è una delle prime società a fornire fonti esterne affidabili di informazioni per i contratti intelligenti.

Dobbiamo capire che, anche se ChainLink diventasse popolare nel corso del tempo, non ci sarà richiesta di token per un buon periodo, il che significa che non sarà possibile guadagnare velocemente.

Affinché gli oracoli stessi siano motivati a unirsi alla rete, il token deve avere valore. Tuttavia, con l’aumentare della funzionalità e della qualità dell’oracolo, aumenta anche il valore del token. Questo è uno di quei token il cui prezzo può salire alle stelle dopo un lancio di successo.

Gli sviluppatori non cambieranno i prodotti già esistenti, ma il loro prodotto può integrarsi perfettamente nel mercato, il che è un vantaggio indiscutibile.

Quanto è avanzato il progetto?

La società madre di ChainLink Coin è stata fondata nel settembre 2014. È stata denominata “2017 Blockchain Applications Cool Vendor” da Gartner. ChainLink ha una partnership con la piattaforma di messaggistica Interbank di Swift. A giugno 2017 hanno completato il concetto della prima fase, in cui SWIFT ha un client di pagamento di ChainLink.

Come possono guadagnare i proprietari di ChainLink Coin?

I token LINK sono utilizzati per pagare fornitori di dati, operatori di siti di progetto, fornitori di servizi di pagamento e altri fornitori di servizi online. Gli utenti del contratto intelligente compensano i fornitori di dati che utilizzano i token LINK.

La stragrande maggioranza dei contratti intellettuali richiede dati esterni per svolgere i propri processi. Il sistema di remunerazione con token non solo garantirà un crescente decentramento attraverso la rete, ma anche dati accurati.

Poiché i token LINK sono utilizzati come valuta sulla piattaforma del progetto, più la piattaforma ChainLink è utilizzata, più prezioso sarà il token LINK.

Proprietà della moneta ChainLink

Con l’aiuto di oracoli, tecnologie blockchain e contratti intelligenti saranno molto più utili. Le persone possono eseguire vari tipi di contratti senza supervisione. Il progetto Oracle potrebbe aiutare la tecnologia blockchain a raggiungere l’adozione di massa.

La partnership ChainLink con SWIFT, una piattaforma utilizzata da oltre 11.000 banche in tutto il mondo, potrebbe consentire a ChainLink di interagire in modo trasparente con altre istituzioni finanziarie in futuro.

Il team ha lavorato nell’area blockchain per diversi anni in questo progetto di crittografia. Esiste un effetto di rete perché la piattaforma ChainLink è più utile quando serve come fonte per i canali di dati della catena. Ciò elimina la necessità per gli utenti di accedere a più fonti per diversi tipi di dati.

Conclusioni

Complessivamente, ChainLink Coin sembra essere adatta sia alla rivendita a breve termine, sia al potenziale a lungo termine. Questo è uno dei progetti che guidano l’attività basata su blockchain e in cui i contratti intellettuali sono effettivamente elaborati “intelligentemente”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *