Veröffentlicht: 28.03.2018

SolarCoin

 

SolarCoin – un incentivo per l’energia solare

 

Con SolarCoin, l’ambiente è al centro dell’attenzione. A differenza della maggior parte delle criptovalute, l’obiettivo non è creare una valuta alternativa indipendente. SolarCoin vuole incoraggiare le persone ad acquistare pannelli solari e aumentare la produzione di energia solare. In teoria, più SolarCoin ci sono, più energia pulita viene prodotta. Così, il ricorso a un’energia ecocompatibile è premiato. In questo modo, la natura è protetta. Allo stesso tempo, il rientro dell’investimento per l’acquisto di pannelli solari è più veloce.

Il processo funziona come quello dei programmi di bonus, come i premi “frequent flyer”. La differenza è che con SolarCoin non si viene ricompensati per le miglia ma per l’energia pulita prodotta. Il passaggio alla produzione di energia rinnovabile è la ricompensa finale. Questa è la più grande differenza rispetto alle altre valute digitali. Le monete sono distribuite gratuitamente ai produttori registrati, a seconda dei MWh generati. Un SolarCoin equivale a un megawattora.

 

Come funziona la distribuzione di SolarCoin?

 

Il processo è in realtà abbastanza semplice e intuitivo, anche per i principianti nel campo delle criptovalute. Innanzitutto, è necessario registrarsi sul sito web di SolarCoin e confermare l’uso dei pannelli solari o di una fattoria solare. Gli operatori del sito quindi verificano le informazioni. Dopo l’approvazione, verranno inviati i SolarCoin. Questo processo è visibile a tutti gli altri nella blockchain. Le monete vengono quindi gestite in un portafoglio. Il portafoglio, in questo caso, è essenzialmente un portafoglio digitale, che può essere scaricato separatamente. Il download è disponibile per i sistemi Windows, Linux, MacOS e Android. È disponibile anche un portafoglio cartaceo. C’è un premio annuale pari al 15% dei KW prodotti. Inoltre, in base all’algoritmo utilizzato, c’è un interesse del 2% sul saldo disponibile nel portafoglio.

 

Chi c’è dietro SolarCoin?

 

La criptovaluta è stata creata nel 2014 da un gruppo di attivisti impegnati nella protezione dell’ambiente. L’idea stessa deriva da un documento accademico. Nel 2011 è stata utilizzata come base l’idea di legare una moneta digitale a una fonte di energia rinnovabile. Il progetto ora è gestito da una fondazione: la Solar Coin Foundation. I dati, in particolare la blockchain, sono in gran parte pubblici. Il volume massimo di emissione è di 98,34 miliardi di monete. Entro il 2050, si prevede che il 95% delle monete sarà in circolazione.

 

Valori di mercato

 

SolarCoin è scambiato come le altre valute digitali ed è disponibile presso Bittrex, Livecoin, Bleutrade, Coin Exchange e Lykke Exchange. Per una moneta, gli utenti pagano 0,68 dollari americani. SolarCoin attualmente è al 309° posto. In cifre, questo si traduce in un capitale di mercato di $ 26.581,669 e un volume giornaliero di $ 135.147.

 

Altri dettagli importanti

 

Il sito web di SolarCoin è disponibile in cinque lingue: francese, inglese, italiano, spagnolo e tedesco. Oltre alle FAQ e all’area download del portafoglio, ci sono alcune aree molto utili. Il modulo di contatto, ad esempio, consente agli utenti di esprimere le proprie idee o preoccupazioni agli sviluppatori.

Il team di SolarCoin può essere contattato anche attraverso diversi social media come Facebook, Twitter e LinkedIn. C’è anche un forum della comunità. Per poterlo utilizzare è necessaria una registrazione separata. Gli utenti partecipano a discussioni su argomenti come le criptovalute in generale, SolarCoin e tutto ciò che riguarda l’energia solare. Inoltre, possono essere presentate idee e suggerimenti, comprese soluzioni per i problemi tecnici esistenti.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *