Veröffentlicht: 16.04.2018

Sincronizzazione dei portafogli Bitcoin

 

Sincronizzazione dei portafogli Bitcoin

 

La sincronizzazione del portafoglio è una delle fasi cruciali quando si comincia a utilizzare la rete Bitcoin. È importante, a questo proposito, tenere a mente che la criptovaluta utilizza un sistema di connessione cosiddetto peer-to-peer (da pari a pari). Ciò significa che non esistono server centralizzati e ciascuna transazione si svolge direttamente fra due nodi della catena. Allo stesso tempo, questi nodi fungono essi stessi da portafogli e controllano l’unicità della transazione e il completamento della procedura. Per effettuare un pagamento, Bitcoin richiede almeno 6 riconoscimenti da altri nodi della catena.

Ciascun nodo, o portafoglio-utente, mantiene la cronologia completa di tutte le transazioni compiute per garantire la sicurezza della rete. In effetti, i registri delle transazioni risalgono all’inaugurazione del mercato Bitcoin. La sincronizzazione del portafoglio si verifica dopo: visualizzazione di nuovi pagamenti, installazione di programmi client o caricamento del database delle transazioni.

 

La procedura di sincronizzazione

 

Essendo le dimensioni attuali del database Bitcoin di poco superiori a 10 GB, il processo di sincronizzazione iniziale potrebbe richiedere 1-2 giorni. Una sincronizzazione completa è necessaria solo per creare un nodo separato della catena. Solamente i nodi con un database delle transazioni correnti possono verificare e registrare nuove transazioni.

I portafogli Bitcoin online o mobili non richiedono procedure di sincronizzazione particolarmente lunghe e complicate. Ogni volta che operi una transazione, il sistema si rivolge ai database delle transazioni memorizzati su server remoti. Questa operazione, tuttavia, non è totalmente anonima ed esente da rischi.

 

Opzioni di sincronizzazione

 

Con Bitcoin, ciascun utente può creare un numero illimitato di portafogli. Se su uno stesso computer sono memorizzati più portafogli, è necessario selezionare attentamente il software client corretto. L’utente dovrebbe supportare il lavoro con diversi portafogli. In caso contrario, ogni portafoglio potrebbe sincronizzarsi e creare più copie del database, finendo per occupare una enorme quantità di spazio sull’hard disk.

In alternativa alla sincronizzazione classica, è anche possibile utilizzare i database delle transazioni Bitcoin in momenti specifici. La procedura prevede il download di un elenco completo di transazioni e la memorizzazione dei dettagli nel software client. Dopo il collegamento alla rete, il programma Bitcoin non sincronizza l’intero portafoglio digitale: mantiene invece il database aggiornato per mezzo di piccoli pacchetti di modifiche.

 

Perché dovresti sincronizzare il tuo portafoglio Bitcoin?

 

Molti utenti non conoscono fino in fondo il funzionamento della blockchain in fatto di registrazione e memorizzazione delle informazioni. Spesso fanno domande su come sincronizzare i portafogli con la rete Bitcoin. Per alcuni, poi, l’operazione sembra richiedere troppo tempo. Per questo motivo, molti utenti e investitori cercano delle strade per velocizzare il processo di convalida dei dati. È possibile aumentare la velocità di sincronizzazione se si sa bene come funziona il sistema di pagamento distribuito. Bisogna cioè considerare le caratteristiche architettoniche del database distribuito o del sistema blockchain. Inoltre, è necessaria una comprensione profonda dei processi di transazione bitcoin e della struttura del protocollo di sicurezza.

 

Che cos’è esattamente la sincronizzazione Bitcoin?

 

Ciò che tipicamente differenzia la rete Bitcoin dagli altri sistemi di valuta digitale è l’anonimato delle transazioni tra i portafogli. Inoltre, una blockchain decentralizzata assicura un livello di protezione dei dati molto elevato. I Bitcoin sono generati attraverso potenti dispositivi informatici. Il processore seleziona un codice hash per ogni blocco, che utilizza un algoritmo chiamato SHA256. È un compito noioso da eseguire ma fornisce una protezione efficace contro l’hackeraggio. Il metodo di selezione degli hash è la chiave per comprendere il processo di sincronizzazione dei portafogli.

Il sistema informativo di Bitcoin si fonda sulla tecnologia blockchain e, anziché utilizzare più server, distribuisce il carico di lavoro tra migliaia di postazioni private. In questo modo, gli hacker non riusciranno mai ad ottenere il pieno controllo del sistema. Dal canto loro, gli utenti dovranno passare attraverso un processo relativamente lungo di sincronizzazione del client Bitcoin con un database condiviso. Ogni moneta digitale lascia un’impronta di transazione in un portafoglio elettronico. Il sistema controlla il proprietario di ciascuna valuta virtuale ogni volta che gli utenti completano le transazioni o installano il software client. Questa precondizione garantisce la stabilità dell’intera struttura informatica.

 

Quanto tempo richiede la sincronizzazione dei portafogli Bitcoin?

 

Passiamo ora agli aspetti più pratici della criptovaluta. Un client desktop bitcoin scarica l’intera cronologia delle transazioni dopo il primo avvio o dopo la reinstallazione. Una volta sincronizzato il portafoglio, il software memorizza la cronologia del processo locale in un file bootstrap.dat sul terminale dell’utente. L’aggiornamento potrebbe richiedere, a seconda del computer, da qualche ora a diversi giorni. Esaminando le caratteristiche di hardware e software, è possibile fare una stima del tempo necessario a completare l’operazione.

 

Come accelerare la sincronizzazione

 

La creazione di un database personale comporta un’attività intensiva del disco rigido. Inoltre, la velocità del computer ha un impatto significativo sulla dinamica complessiva. La sincronizzazione è anche più veloce se si utilizzano dischi SSD invece dei soliti dischi rigidi. Non si dovrà spegnere il computer fino a quando non è stata completata l’attività. Sarà inoltre necessario prestare attenzione alla stabilità della connessione Internet e assicurarsi di disporre di un alimentatore affidabile durante l’intero processo.

 

Conclusioni

 

Se non osservi le regole illustrate sopra nel sincronizzare il tuo cripto-portafoglio, l’operazione potrebbe non andare a buon fine. Di conseguenza, potrebbe esserci un ammanco di bitcoin dal tuo account se il portafoglio non ha avuto il tempo di completare l’indicizzazione. In tali casi, la criptomoneta rimane bloccata ma non va persa! Il problema si risolve risincronizzando il portafoglio alla rete Bitcoin. Se l’utente ha fretta e non desidera aspettare, potrebbe essere preferibile per lui scegliere un portafoglio o un servizio web in versione “easy”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *