Veröffentlicht: 23.02.2018

Raiblocks Coin

Cos’è Raiblocks Coin?

È a partire dalla fine del 2017 che Raiblocks Coin attira l’attenzione, con molti compratori interessati alla valuta. Se alla fine di novembre il valore della moneta era pari a 20 centesimi, nel giro di 4 settimane è salito fin quasi a raggiungere i 19,57 euro, con un aumento molto vicino all’80%.

Ma non è tutto, visto che la capitalizzazione di mercato è passata da 53 milioni a 2,5 miliardi di dollari. Tale crescita ha permesso a Raiblocks Coin di salire al 17° posto nella lista delle criptovalute più popolari. Nonostante ciò c’è ancora chi, a prima vista, ritiene la crescita un semplice “hype”, una montatura.

L’aumento molto rapido, avvenuto nel 2017, potrebbe non avere sufficiente stabilità. Sembra quindi legittimo domandarsi se sarà possibile per tale valuta confermare il suo enorme potenziale. Solo esaminandone nel dettaglio le caratteristiche si potrà fornire una risposta valida.

La tecnologia alla base di Raiblocks

La valuta in oggetto si distingue per la sua bassa latenza, e per la sorprendente velocità nella trasmissione dei dati. Ma sono anche altri i motivi che l’hanno fatta apparire, fin da subito, decisamente interessante.

Al contrario di quanto accade per altre criptovalute, Raiblocks non addebita commissioni sulle transazioni, sicuramente poco piacevoli per gli acquirenti.

Inoltre, le transazioni possono essere elaborate in tempo reale. Non si tratta di una novità, in quanto già IOTA e Ripple la propongono, ma il tempo di attesa per gli acquirenti risulta inferiore ai 10 secondi.

Raiblocks Coin punta sulla scalabilità. Alle spalle esiste una tecnologia denominata “Block-Lattice”. Il vantaggio riconosciuto a tale tecnologia è dato dal fatto che ogni account può contare su una specifica blockchain, in grado di eseguire le transazioni in modo asincrono.

È proprio questo meccanismo a differenziarla dalla blockchain di Bitcoin. Se i blocchi di Raiblocks Coin possono essere riempiti con un unico indirizzo, quelli di Bitcoin presentano al loro interno più indirizzi.

È questa tecnologia che consente alle transazioni di godere di una velocità quasi istantanea evitando, al contempo, le commissioni.

Il team di Raiblocks

È stato Colin Lemahieu a fondare Raiblocks. Lo stesso Lemahieu è responsabile dello sviluppo del portafoglio desktop e mobile, tanto da essere riconosciuto come figura chiave per l’esistenza della valuta stessa.

Ma alle sue spalle è presente una squadra formata da 11 sviluppatori. A farne parte è anche Timothy Redaelli, cui spetta l’amministrazione del sistema. Un altro membro è Mica Busch, responsabile dello sviluppo del sito e delle applicazioni mobili.

Questo team si è posto degli obiettivi rivoluzionari per il futuro. La compatibilità con Bitcoin e la semplificazione della tecnologia blockchain sono solamente alcuni dei punti essenziali: a questi si aggiunge l’ambizione di rendere la piattaforma ecocompatibile.

Le transazioni di Raiblocks Coin

Raiblocks si rivela adatto a masse di compratori. Le transazioni, alla prova pratica, vengono effettivamente condotte in pochi secondi, e trasferite dal mercato azionario al portafoglio digitale. Il fatto di essere soggetta a tasse non elevate rende ancora più interessante questa criptovaluta.

Tra i punti deboli di Raiblocks Coin può essere citato il fatto che, attualmente, nessuna delle borse più famose ha iniziato a scambiare la valuta. Ad ogni modo, chi ha intenzione di acquistare Raiblocks ha a disposizione due piattaforme: BitGrail e Mercatox.

Una volta effettuata la scelta, la registrazione richiede solo pochi passaggi. Portata a termine questa fase, gli utenti hanno accesso al mercato di negoziazione, potendo poi scambiare Raiblocks con Bitcoin. Il deposito del portafoglio, così come gli acquisti, può essere condotto all’interno dei portali.

Conclusione

Raiblocks Coin, se confrontato con il più celebre Bitcoin, offre una serie di vantaggi in più. La transazione è affidabile ed efficace e viene svolta in tempo reale. Sono assenti in Raiblocks Coin problemi normalmente associati a Bitcoin: ridimensionamento, tempi di attesa, che in diversi casi si rivelano eccessivamente lunghi, e commissioni elevate sulle transazioni.

Oltre a Raiblocks Coin, esistono da tempo sul mercato alcune criptovalute che ne condividono i vantaggi, come IOTA. Attualmente, è impossibile accertare se l’entusiasmo che circonda Raiblocks Coin sia giustificato o meno. Si può dire, ad ogni modo, che questa criptovaluta è sicuramente interessante e lungimirante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *