Veröffentlicht: 24.02.2018

Attacco del 51%

Attacco del 51% – Un attacco di maggioranza

L’attacco del 51% si riferisce ad un attacco contro la blockchain – di solito di Bitcoin o altre criptovalute, per le quali è ancora ipoteticamente fattibile un’ipotesi di questo genere – da un gruppo di miners che costituiscono più del 50% degli hashrate o della potenza di calcolo della rete.

In teoria, gli autori di attacchi potrebbero impedire alle nuove transazioni di ottenere riconoscimenti e interrompere i pagamenti ad alcuni o a tutti gli utenti. Sarebbero anche in grado di cancellare le transazioni completate durante il controllo della rete, il che significherebbe spendere monete per due volte.

Tuttavia, quasi certamente non sarebbero in grado di creare nuove monete o alterare vecchi blocchi. Quindi un attacco del 51% probabilmente non distruggerebbe Bitcoin o qualsiasi altra valuta basata su Blockchain, anche se dovesse essere molto dannoso.

Struttura a blocchi

Bitcoin e altre criptovalute si basano su blockchain, che sono anche conosciuti come libri mastri distribuiti. Questi file digitali registrano ogni transazione effettuata sulla rete di una criptovaluta e sono disponibili a tutti gli utenti per la revisione.

Ciò significa che nessuno può spendere una moneta due volte; l’equivalente digitale di una contraffazione perfetta distruggerebbe rapidamente la fiducia nel valore della moneta.

Una blockchain è una catena di blocchi di dati che registra tutte le transazioni completate in un periodo di tempo (Bitcoin genera un nuovo blocco approssimativamente ogni dieci minuti). Una volta che un blocco è stato “estratto”, non può essere modificato perché una versione fraudolenta del libro mastro sarebbe rapidamente rilevata e rifiutata dagli utenti della rete.

Obiettivi di attacco

Controllando la maggior parte della potenza di calcolo nella rete, un attaccante o un gruppo di aggressori può interrompere il processo di acquisizione di nuovi blocchi. Potrebbero impedire agli altri miners di completare blocchi e in teoria potrebbero monopolizzare l’estrazione di quelli nuovi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *